menu Il verbale di assemblea di condominio
« Torna a News

Il verbale di assemblea di condominio

Il verbale di assemblea di condominio rappresenta le decisioni prese dai condomini nel corso della riunione.

Momento importante della assemblea è la nomina del Presidente, perché il suo compito è quello di effettuare le verifiche sulla regolare convocazione della stessa e sulla costituzione dell’assemblea in base alle maggioranze presenti.

Requisiti essenziali.

Requisiti essenziali del verbale sono:

  • i nomi dei condomini presenti
  • i millesimi rappresentati dai condomini stessi
  • gli argomenti all’ordine del giorno
  • le delibere assunte, con le relative indicazioni dei condomini consenzienti e dissenzienti

Questo ultimo punto è molto importante perché se non vengono indicati i condomini votanti e i relativi millesimi, la delibera è annullabile per la impossibilità di verificare l’esistenza delle maggioranze necessarie per deliberare.  

La comunicazione del verbale.

Inoltre, visto che l’impugnazione può essere effettuata entro il termine perentorio di trenta giorni “dalla data di comunicazione per assenti e dissenzienti” è opportuno che l’amministratore invii copia del verbale agli assenti il più presto possibile.

Infatti, finché non passano i trenta giorni per l’impugnazione, non c’è la certezza della esecutorietà delle delibere.

Ultimi consigli.

Quando l’amministratore invia la copia del verbale agli assenti è importante che inserisca anche quella della prima convocazione (in genere andata deserta). In caso contrario l’assemblea potrebbe sembrare non di seconda ma di prima convocazione, con relativo innalzamento delle maggioranze necessarie per deliberare.

Nel verbale che contenga delle decisioni su spese straordinarie è importante indicare il criterio di ripartizione della spesa. Sarà un elemento in più per poter ottenere il decreto ingiuntivo nei confronti dei morosi, come mi ha insegnato la mia esperienza di assistenza legale condomini a Palermo.

La sottoscrizione del verbale.

Il verbale deve essere redatto e sottoscritto dal presidente e dal segretario, altrimenti è nullo per mancanza di un elemento essenziale.

Infine, avendo esso valore di scrittura privata, è opportuno che venga sottoscritto da tutti i presenti all’assemblea.

Infatti il condomino che intenda impugnarlo può far ricorso ad ogni mezzo per contestarne la veridicità e la sottoscrizione dei condomini sarebbe un elemento di forza per opporsi alla impugnazione.